Dopo la doccia mattutina si inizia la giornata a base di arancine e di rosticceria sicula…. Le donne iniziano presto a prepararsi mentre gli uomini rimangono in chiacchiera e Riccardo fingendo di capire, continua ad annuire infilando qua le uniche parole imparate in questi anni.

Sorride e lanciando a caso parole come picciuli, va accurcate e ghiustell facendo sorridere i cugini che lo promuovono nuovo membro della famighia….

Ci mettiamo in viaggio seguendo le classiche indicazioni paesane e tra un ACCHIANA,SCINNI DA SUTTA arriviamo in chiesa. Salutiamo e baciamo tutti prendiamo posto tra i banchi lasciandoci travolgere dall’emozione di quel giorno di festa.

Al sobrio grido della zia T. Che intona un:E per gli sposi IPPIURRÀ urrà urraaaaaaà che fa invidia a un soprano lirico, salutiamo e baciamo tutti e ci incamminiamo verso la location della festa.

Al tramonto arrivano gli sposi, zia T. Li accoglie con la sua frase di rito….partono i fuochi d’artificio e si da il via ai festeggiamenti.

La festa è stata bellissima, siamo stati inondati da cibo, vino,scherzi e spettacoli siamo arrivati al taglio della torta….sono passate le 2 di notte ma L’adrenalina è troppa per andare a dormire.

Si torna a casa e mentre c’è chi si strucca e chi aspetta la fila per andare in bagno si progetta il terzo giorno di festeggiamenti….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ho letto la privacy policy e acconsento alla memorizzazione dei miei dati nel vostro archivio secondo quanto stabilito dal regolamento europeo per la protezione dei dati personali n. 679/2016, GDPR. (Potrai cancellarli o chiederne una copia facendo esplicita richiesta a privacy@ildiariodivincenza.it)