Dopo un bel giro a Plaza Major ci dirigiamo verso Plaza del sol, stando lontani dalla mascotte picachiu veniamo attratti da canzoni a noi conosciute.
Ragazzi strampalati fanno suonare bella ciao remix mentre fanno una sorta di riscaldamento. Presto la situazione si scalda, cominciano a spogliarsi e a fare capriole senza mani, salti mortali e giramenti sulla testa.

Continuano così fino a quando non iniziano a coinvolgere il pubblico.
Passano, chiedono, alcuni rifiutano e poi? Mi giro un attimo e non trovo più mio marito.

Lo avranno scelto per La sua leggiadria.

NB: se ceni al museo del prosciutto, non farti ingolosire dalla frittura de pescado ma limitati all’affettato.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ho letto la privacy policy e acconsento alla memorizzazione dei miei dati nel vostro archivio secondo quanto stabilito dal regolamento europeo per la protezione dei dati personali n. 679/2016, GDPR. (Potrai cancellarli o chiederne una copia facendo esplicita richiesta a privacy@ildiariodivincenza.it)