Dopo la serata finaly minions era arrivato il tempo della nostra rivincita. Riccardo mi invitò in questo castello, sperduto nelle montagne modenesi, dove organizzavano un gioco di squadra interattivo.

Mi piaceva l’idea di non fare come tutti che magari si chiudono in discoteca e con la scusa di vestirsi da strega indossano body il lattex, minigonne inguinali e calze a rete con tacchi 20, così accettai l’invito volentieri. Iniziano i preparativi, scegliamo il tema del nostro costume, iniziamo a scegliere accessori ecc… scegliamo di interpretare la dottoressa e il serial killer.

Mi trovo proprio in sintonia con questo ragazzo, accetta di buon grado le mie idee e le amplia con la sua fantasia e voglia di sperimentare. Cosi gli dico: “guarda che io mi trucco” e lui mi dice: “certamente”

Quando facevo volontariato l’attività che mi piaceva di più era fare truccabimbi, stimolava la mia fantasia, la mia voglia di creare e la mia voglia di cambiare. Avevo una testa di bambola quelle che usano le parrucchiere per fare le prove acconciature ecc…

Riccardo aveva comprato arti mozzati, occhi sanguinanti finti, cosi presa da questa vena splatter gli chesi se potevo portare Lina… LINA? chi è mi chese lui… “è una sorpresa vedrai…”

Arrivò l’ora di partire per il castello, Riccardo era come sempre in ritardo, ne approfittai per ritoccare il trucco mio e quello di Lina. Quando arrivò gli aprii la porta, i suoi occhi si spalancarono e smise di parlare.

Pensavo di aver esagerato col trucco, lui si aspettava una piccola ragnatela, un ragnetto, ma io no. Mi presentai con un cerone bianco, occhi viola, sangue ovunque.

Ti presento Lina e da dietro la schiena faccio spuntare questa testa mozzata, la tengo a penzoloni per i capelli ed è truccata da zombie anche lei. “bomber sei perfetta, il top!!!!” trucco anche lui e partiamo.

Fermi ai semafori aspettando il verde, facevamo penzolare Lina dal finestrino, attirando l’attenzione degli autisti che guadandoci sorridevano e stavano al gioco come si fa con gli psicopatici…

Arrivati al castello, ci spiegano il gioco, ci dividono in squadre e fanno iniziare la serata… Tra enigmi da svelare,oggetti da trovare,personaggi spaventosi che ancora adesso se solo ci penso mi fanno drizzare i capelli.

C’era un pagliaccio bastardo, più pauroso di it che, complice il buio del granaio abbandonato, si nascondeva nell’ombra apparendoti dietro le spalle, accarezzandoti con la sua falce insanguinata.

Infame bastardo, ti odio.

La serata prosegue tra ventagli di fuoco,trampolieri e pazzi urlanti. Dopo essere stati al cimitero, mentre un minotauro ci porta al castello attraversando un bosco, complice la paura e il freddo, io e riky ci prendiamo per mano…..

Ci sediamo al tavolo per mangiare, i nostri compagni di gioco ci chiedono da quanto tempo stiamo insieme e menomale che il cerone ha nascosto il rossore dei nostri visi…..

l’imbarazzo era palpabile cosi deviamo il discorso su Lina, la nostra testoLina..anche l’oste Alberto ci fa i complimenti….su quanto eravamo la coppia più bella…hahaha panico!!!!

la serata finisce con l’incoronazione di Riccardo diventato il nuovo Re!!! Era contento come un bambino, l’entusiasmo era alto e ci ha accompagnato nel viaggio di ritorno… Ci siamo proprio divertiti era tutto perfetto, poi bomber tu sei spettacolare, dice lui…

“Dove la trovi una tipa cosi?” rispondo io….arriviamo a casa, ci salutiamo e vado a dormire. Mi sveglio con un messaggio che mi dice:io una come te non me la faccio scappare, mi piaci proprio, ci mettiamo insieme?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ho letto la privacy policy e acconsento alla memorizzazione dei miei dati nel vostro archivio secondo quanto stabilito dal regolamento europeo per la protezione dei dati personali n. 679/2016, GDPR. (Potrai cancellarli o chiederne una copia facendo esplicita richiesta a privacy@ildiariodivincenza.it)